Cosa sono i pavimenti LVT

Cosa sono i pavimenti LVT

Ti sei mai chiesto cosa sono i pavimenti LVT? Come sono fatti? In questo articolo troverai tutte le risposte che cerchi

Perché i pavimenti LVT sono così amati dal architetto fino all’amate del fai da te? Scoprilo in questo articolo.

Il PVC è sempre stato apprezzato per la sua flessibilità, il suo calore, la fonoassorbenza, la resistenza all’acqua e le caratteristiche antibatteriche e antiscivolo ma a volte risente del pregiudizio per cui il suo aspetto risulta avere un “effetto plastica”, tipico di ambienti come ospedali, scuole e palestre.  Il PVC è visto anche nei vagoni del treno, nei bungalow e nelle case prefabbricate. Le pavimentazioni per questi ambienti non devono essere esteticamente belli, ma devono essere funzionali e facilmente lavabili.

Pavimenti esteticamente belli oltre che funzionali sono i pavimenti vinilici LVT (Luxury Vinyl Tile), comparsi sul mercato circa 7-8 anni fa e conosciuto in Italia solo da poco. I pavimenti LVT mantengono tutti i pregi dei pavimenti in PVC ma aggiungendo una maggiore resistenza della superficie e una riproduzione reale e naturale del legno, della pietra e dei minerali. Questa nuova generazione di pavimenti in PVC è attenta alle decorazioni e alle finiture ed è facile  da posare, infatti gli amanti del fai da te preferiscono questa soluzione per il rivestimento della superficie di casa rispetto ad altre.

LVT (Luxury Vinyl Tile) tradotto in italiano significa Piastrelle Viniliche Lussuose; con queste piastrelle potrai avere una pavimentazione identica al parquet ma senza il legno, perciò molto più semplice da mantenere e da curare e pulire. In questo articolo andremo ad approfondire gli aspetti che fanno i pavimenti LVT dei pavimenti straordinari, rendendoli così una soluzione alternativa ai classici materiali per il rivestimento di interni

Pavimenti vinilici omogenei o eterogenei?

Per capire l’argomento bisogna sapere che i pavimenti in PVC si dividono in 2 categorie: Pavimenti vinilici omogenei e pavimenti vinilici eterogenei.

– I pavimenti vinilici omogenei sono composti con PVC e altri materiali come coloranti e stabilizzanti. Hanno uno spessore che varia e si produce solitamente in piastre.

I pavimenti vinilici eterogenei, invece, sono composti da più strati che vengono aggregati insieme mediante processi di calandratura o pressatura. I pavimenti LVT fanno parte di questa categoria, in quanto, come vedremo sono composti da più strati e più elementi.

I pavimenti LTV si differenziano dagli altri pavimenti eterogenei per la loro costruzione che prevede l’utilizzo della tecnologia a pressa statica che unifica i diversi strati. Questo processo permette di ottenere una superficie che riprende il legno o la pietra e maggiormente resistente rispetto agli altri pavimenti vinilici.

Come sono realizzati i pavimenti LVT

Per analizzare come è composta e strutturate una piastrella in LVT partiamo dallo strato più superficiale, quello che il nostro piede calpesta e arriviamo fino al fondo, allo strato che verrà posato sulla superficie:

  • Strato d’usura in PVC puro o PU (poliuretano trasparente )
  • Pellicola decorativa
  • Multistrato in PVC
  • Strato in fibra di vetro
  • Multistrato in PVC

Lo strato d’usura è uno strato trasparente di spessore variabile a seconda della resistenza del pavimento. Aumentando lo spessore di questo strato aumenta la resistenza all’usura del pavimento. In fase di scelta del pavimento è importante valutare delle piastrelle LVT con uno strato di usura adeguato all’uso che verrà fatto del pavimento. Questo strato può essere ruvido oppure liscio a seconda dell’imitazione della finitura.

Dopo lo strato d’usura si trova un foglio sulla quale è stampata ad altissima definizione la decorazione. Grazie queste piastrelle in LVT possiamo trovare moltissime decorazioni che imitano il legno o la pietra. Successivamente si trovano due strati di PVC puro con all’interno uno strato di fibra di vetro. La fibra di vetro serve a contenere le variazioni dimensionali e anche questo ha uno spessore variabile.

I vantaggi del pavimenti LVT

Ecco quali sono i vantaggi ad avere il pavimento LVT in un ambiente domestico:

  • Sono silenziosi: I pavimenti LVT hanno una capacità fonoassorbente in grado di filtrare i suoni e i rumori. Grazie alle doghe infatti si potrà anche avere una piccola zona palestra in casa senza che la caduta di pesi o eventuali rumori di macchinari danneggino la quiete condominiale
  • Hanno un basso spessore: Essendo spessi generalmente da 3 mm a 6 mm possono essere posati con facilità sopra le superfici già esistenti senza dover cambiare o distruggere il rivestimento presente.
  • Svariati modi di posa: Partendo dalle proprie esigenze o dalla situazione in cui si realizzerà la pavimentazione è possibile scegliere il modello di pavimento e il tipo di posa da utilizzare. Il mercato dei pavimenti LTV propone diverse soluzioni con diverse pose del pavimento. Si potrà posare il pavimento con il sistema a click, con le lastre adesive oppure con il sistema innovativo antislip, che consente di posare senza colla ma solo affiancando le doghe l’una all’altra.
  • Molto resistenti all’usura: Grazie allo strato trasparente superiore, si potrà avere un pavimento LVT sempre come nuovo. Maggiori sono i mm di spessore dello strato, maggiore sarà la protezione del pavimento
  • Sono resistenti all’acqua: A differenza dei gli altri materiali, come ad esempio laminato o parquet in legno che temono l’umidità, i pavimenti LVT sono resistenti all’acqua e all’umidità. Perciò si potrà posare il pavimento LVT in zone come bagno, cucina, lavanderia e bordo – piscina.
header

Come pulire i pavimenti LVT

Un elemento importante da considerare durante la scelta del pavimento è la manutenzione, cioè tutta quella serie di azioni che bisogna fare per puliremantenere e conservare un pavimento in LTV. Per pulire i pavimenti in LVT non è necessario sapere nulla di particolare. Pulire queste superfici è come pulire qualsiasi altro pavimento, spazzolandolo con la scopa o aspirapolvere e lavandolo normalmente. Non serviranno detergenti acchiappa polvere o cere particolari se si ha un parquet in LVT in quanto non è vero legno e non va trattato come se lo fosse. Per questi motivi avere il pavimento LVT è un ottima scelta, è il punto d’incontro tra semplicità, funzionalità ed estetica.

Conclusione

I pavimenti LVT possono essere posati in qualsiasi tipo di ambiente e, come detto prima, anche gli ambienti soggetti ad umidità (bagno e cucina). Le piastrelle in LVT sono idrorepellenti non assorbono acqua e non si deformano.

In questo articolo abbiamo visto:

  • Che differenza c’e tra i pavimenti omogenei, eterogenei e VLT
  • Come sono realizzati i pavimenti LVT
  • Quali sono i vantaggi ad avere il pavimento LVT
  • Come pulire i pavimenti LVT
  • Dove installare i pavimenti LVT

Vuoi acquistare dei pavimenti LVT di qualità ed autoposanti? Scopri le nostre contract doghe: queste piastrelle oltre che essere di prima qualità dispongono del sistema brevettato antislip. Per posare queste doghe basterà semplicemente affiancare una doga all’altra senza uso di colla. Vuoi avere altre informazioni? Contattaci al numero verde 800 589204 per scoprire di più.

Scopri le Piastrelle in Pvc più Vendute Online

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt
0